Culatello: tutto quello che c’è da sapere

Giugno

8

2017

Per qualcuno può essere scontato, per altri meno, ma oggi vogliamo approfondire le nostre conoscenze con il Culatello. Iniziamo subito: non è un prosciutto, anche se può sembrarlo: il culatello e il prosciutto sono ricavati da due salumi diversi.

Il culatello è un salume suino insaccato italiano, prodotto in provincia di Parma. Il Culatello è fatto con la parte più pregiata della coscia del maiale adulto italiano (posteriore e interna), ecco da cosa deriva il suo nome. Il Culatello non ha grasso, ossa né cotenna.

Come distinguere il culatello da prosciutto?

È molto semplice distinguere il culatello dal prosciutto: il primo ha una forma a pera, allungata, ed è avvolto nella vescica del suino. Il prosciutto, invece, ha una forma più tondeggiante, ed è avvolto nella cotenna.

Tra i tanti salumi, il Culatello è il salume più pregiato e ricercato. Il Consorzio del Culatello di Zibello DOP dichiara una produzione annua di circa 60 mila esemplari.

Per fare un buon Culatello serve un’ottima materia prima, anche se da sola non basta. La rifilatura avviene a mano, secondo tradizione, grazie all’opera di abili norcini. La stagionatura, mai inferiore ai dieci mesi, è tutta naturale: avviene nelle cantine della Bassa Parmense o in ambienti dedicati alla maturazione dei salumi, con umidità e temperatura controllate.

Vieni a scoprire la selezione di Culatello

nelle nostre sedi!

Lascia un commento